Maltagliati con seppie e pomodoro pachino

Novembre. L’inverno è ormai arrivato, anche se le temperature non sono poi così basse, i colori sono cambiati, il sole è più tenue, alle 17 fa buio e io ho già nostalgia del mare…ma ahimè dovrò attendere ancora a lungo prima di ritornarci per fare un bel bagno e prendere un pò di sole…
Nel frattempo, per attenuare la mia nostalgia ho deciso di farmi un piattino che avevo mangiato una sera d’estate in un ristorantino sulla spiaggia…qualcosa di semplice, che profuma di mare: Maltagliati con seppie e pomodoro pachino! Stupendi e Super facili! 😉
 
 

Ingredienti:
 
Per la pasta
 
– 2 uova 
– 200 gr di farina 0
– sale q.b.
 
Per il condimento
 
– 1/2 cipolla 
– 300 gr di seppie
– 10 pomodori pachino
– 1 spicchio di aglio
– vino bianco secco
 
Preparare i maltagliati disponendo su un piano, la farina a fontana formando una piccola conca dove inserire le uova a temperatura ambiente. Sbattetele leggermente aggiungendo il sale e piano piano iniziare ad amalgamare gli ingredienti. Continuare a impastare fino a che il composto non risulterà liscio e morbido. Fare riposare per almeno mezzora in un luogo fresco e asciutto ricoperto da un canovaccio o dalla pellicola.
Nel frattempo mettere sul fuoco una pentola d’acqua per i maltagliati e una padella per il sugo.
Nella padella fare soffriggere la cipolla e uno spicchio d’aglio con olio d’oliva. Tagliare a pezzetti le seppie e i pomodori pachino e unirle alla padella. Rosolare per qualche minuto, dopodichè sfumare con del vino bianco secco ( 1 bicchiere) coprire con un coperchio e cuocere per 20/25 minuti circa.
Mentre il condimento cuoce, preparare i maltagliati stendendo la sfoglia con il mattarello. Formare delle strisce che taglierete in diagonale o a vostro piacimento purchè non siano troppo regolari.
Cuocere i maltagliati nella pentola d’acqua bollente e salata, per pochi minuti, poi finire la cottura in padella insieme alle seppie aggiungendo un goccio di acqua di cottura in modo che la pasta non rimanga asciutta e collosa.
 
 
 
 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *