I CARDI

A casa la nonna li fa praticamente tutti gli anni per la Vigilia di Natale come contorno del baccalà, non sono simpaticissimi da pulire e hanno bisogno di una doppia cottura, io oggi ve li presento in una versione un po più semplice e diversa dal solito….
“C’è chi li chiama cardi, c’è chi li chiama gobbi. Sono piante antiche, dalle grandi coste e dai fiori vistosi. Hanno interessanti proprietà nutritive e sono alla base di molte ricette della tradizione, tipiche dei mesi invernali. Attualmente per il cardo e per le sostanze presenti non esiste un corpo rilevante di ricerca scientifica. L’abbondante componente fenolica presente negli estratti li rende comunque un interessante soggetto di studio relativo alla loro attività antiossidante. C’è chi del cardo mangia i teneri, seppur spinosi, fiori giovani, chi quei fiori li usa per fare il latte, ma nella maggior parte dei casi del cardo si consumano le coste. Al momento dell’acquisto è bene scegliere cardi con coste sode, ampie, mai molli, bianche e incurvate nel caso si acquistino gobbi. Da evitare coste verdi perché dure, fibrose ed amare. I cardi possono essere conservati una o due settimane in frigorifero, meglio se avvolti nella carta. Evitare il congelamento perché rovina completamente le caratteristiche del prodotto. I cardi vanno puliti prima di essere cucinati, eliminando le coste esterne più dure e asportando le fibre più grandi e tenaci dalle coste più tenere. Una volta pulite le coste vanno spuntate e tagliate in pezzi di una decina di centimetri; per evitare che scuriscano, a causa dell’interazione tra l’aria e i composti fenolici presenti, è sufficiente immergerle in acqua a cui sia stato aggiunto un po’ di succo di limone. I pezzi così ottenuti in genere vengono scottati in acqua bollente per eliminare parte dei composti che danno sapore amaro e per renderli ancora più teneri. “


SFORMATINO DI CARDI ALLA CURCUMA AL PROFUMO DI ROSMARINO


1 ceppo di cardi
1 cucchiaio di curcuma
1 rametto di rosmarino
olio evo
1 spicchio d’aglio
Pulire i cardi eliminando i filamenti delle coste. Tagliarli a pezzi grossolani e sbollentarli in acqua leggermente salata per almeno 20 minuti.Quando risultano morbidi scolarli bene e ripassarli in padella con olio evo uno spicchio d’aglio, un cucchiaino di curcuma e un rametto di rosmarino.Aggiungere appena un goccio d’acqua per amalgamare bene il tutto e lasciar cuocere per 5 minuti a coperchio chiuso. Una volta che sono pronti aiutatevi con un coppapasta per fare uno sformatino di cardi. Ripassate una spolverata di curcuma e guarnite con del rosmarino fresco.
http://www.foodimmersions.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *