Professione Foodblogger

Chi è la Foodblogger?Cosa fa?Come vive?
Spesso ho risposto a queste domande. Pesaro non è Milano, o Roma o Firenze o qualsiasi altra grande città dove la figura del Foodblogger è conosciuta e rispettata ormai da almeno una decina di anni come qualsiasi altra professione. Qui bisogna dare spiegazioni e allora oggi voglio fare un po’ di chiarezza…
La/Il Foodblogger è una persona appassionata di cibo e di tutto il mondo culinario in generale, che scrive e riporta consigli, ricette, piccole nozioni, accorgimenti fondamentali per gustarsi al meglio un pasto o un soggiorno, tutto attraverso un blog ovvero, un diario in rete. 
La/Il Foodblogger non è uno Chef, generalmente, ma ha in comune il fatto che quando cucina ci mette davvero il cuore. Ama sperimentare e inventa ricette grazie alla sua fantasia.
Come vive un Foodblogger? Il foodblogger si alza la mattina, fa colazione, fotografa la sua colazione, scrive di che cosa si tratta,esalta l’emozione del momento, spiega dove andare a cercare quei determinati ingredienti, facendo così pubblicità, sia al prodotto stesso sia al produttore e rivenditore. Stessa cosa vale per tutti gli altri pasti della giornata o per le mete che frequenta, ristoranti, hotel, bar, panetterie… e tutto ciò che puo’ essere legato al cibo. Ve lo consiglia attraverso il blog o le sue pagine social: facebook, twitter, instagram…
Ogni giorno il Foodblogger va alla ricerca di aziende valide e conformi al suo stile di vita culinario, cercando collaborazioni di marketing e comunicazione.
E’ vero il foodblogger partecipa anche ad eventi, fa cooking show, può tenere corsi e partecipare a giurie tecniche in base alle sue competenze, partecipa a programmi in radio o a programmi televisivi che sono poi quelli che danno maggiore notorietà, ma sempre di comunicazione si tratta.

Lo sapete quando è nato il primo foodblog al mondo? Nel 1997 negli States, si chiama Chow e quest’anno festeggerà i suoi vent’anni di attività. Nacque come bacheca dove scambiarsi consigli su ristoranti o sui posti migliori dove trovare un buon piatto. Oggi ha una realtà di 22 dipendenti. Una vera e propria attività imprenditoriale, che dite?!
Nel 2014 ho aperto il mio blog perchè avevo bisogno di fare qualcosa di stimolante e creativo nella mia vita. Volevo essere felice e la routine lavorativa a volte ti fa perdere di vista questo diritto che abbiamo.
Sono Foodblogger da 3 anni e Sommelier da 2. Appasionata di cibo da quando ero bambina, curiosa di scoprire qualsiasi cosa che potesse essere commestibile, il mio palato non si è mai fatto intimorire nemmeno in tenera età. Ho sempre avuto la fortuna di avere un alimentazione abbastanza corretta e povera di grassi, ecco perchè, probabilmente il mio stile di cucina si basa su ricette sane, povere di grassi e con un occhio di riguardo alla salute. Poi a volte qualche sfizio me lo tolgo anche io e dovremmo permettercelo tutti.
Presto molta cura e attenzione agli ingredienti in cucina.

Dopotutto lo sappiamo,3 casi di tumore su 10 derivano da ciò che mettiamo in tavola, ecco perchè è fondamentale conoscere bene le materie prime. Quando andate a fare la spesa, soffermatevi a leggere gli ingredienti che contengono i cibi che compriamo è un nostro diritto sapere cosa assumiamo.

Cercate di acquistare prodotti della nostra regione, aiutiamo i piccoli produttori e valorizziamo quello che abbiamo, anche se non siamo foodblogger.
Le Marche sono una regione meravigliosa, che non ha nulla a che invidiare alle altre regioni del nostro Stato. Un regione timida che fa fatica a uscire fuori e farsi conoscere ma ha dei grossi potenziali: il paesaggio meraviglioso tra mare e collina e la qualità delle materie prime.Io ci credo molto nel nostro potenziale e mi sto impegnando nel mio piccolo a farlo venire fuori attraverso la mia figura di foodblogger. 
Dovremmo tutti fare più “squadra” e aiutarci a vicenda, dopotutto è nei nostri interessi valorizzare il nostro territorio o forse i sbaglio?!

Mi auguro di aver chiarito un po’ le vostre idee e se avete domande da farmi sapete dove trovarmi…

http://www.foodimmersions.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *