San Vito lo Capo. Il cous cous fest e i luoghi giusti

Sono in una fase di ricerca costante, organizzo viaggi per assaggiare i prodotti di ogni territorio, mi lascio ispirare dai luoghi, poi sperimento in cucina, degusto vini per riconoscere tutte le sfumature, sono una curiosa, amo follemente questo mondo e credo fermamente che sia un grosso potenziale per il nostro paese.
3 giorni di vero e proprio FOODIMMERSIONS nel territorio siciliano, più precisamente a San Vito lo Capo.
Era da tempo che desideravo andare al grande evento che si tiene ogni anno in quel di San Vito;  sto parlando del Cous Cous Fest!! Che si è tenuto quest’anno dal 15 al 24 settembre e ha festeggiato il XX compleanno.


Che cos’è il Cous Cous fest? Un festival internazionale enogastronomico che ha come protagonista, ovviamente il cous cous. Un  Festival caratterizzato da un mix di sapori, colori e profumi provenienti da tutto il mondo, che vuole mettere in risalto la passione per il cibo, lo scambio culturale e la pace tra i popoli.

Il cous cous è infatti chiamato anche “piatto della pace” perché appunto unisce le diversità culturali e religiose di ogni paese.
10 giorni di degustazioni, cooking show e buona musica a far da atmosfera a questo multietnico evento.
E’ un’ esperienza sensoriale che vi consiglio di fare e soprattutto da foodblogger vi consiglio i posti giusti dove dormire, come muovervi al meglio e dove assaggiare i migliori piatti tipici siciliani.
Allora innanzi tutto prendete un volo per Trapani e preventivamente noleggiate una macchina che vi sarà utile per gli spostamenti.
DOVE DORMIRE: IL POGGIO DI MARE a Castelluzzo a pochi km da San Vito lo Capo. Il luogo ideale per rigenerarsi, già dal primo mattino la colazione è sensazionale!!! Brioches al pistacchio, pane cunzato, e tante altre prelibatezze fatte in casa, il tutto ovviamente accompagnato da tè, caffè, cappuccino, succhi ecc…se avete richieste particolari, chiedete a Puccio il proprietario di casa è disponibile e attento a qualsiasi esigenza, una Garanzia.
DOVE MANGIARE: Volete assaggiare i piatti tipici e tradizionali? Bene, andate all’AGRITURISMO BAGLIO DON BARTOLO un luogo dove si assapora la vera tradizione,  una vecchia stalla adibita a sala da ristorante con botti  e carretti di legno, l’atmosfera perfetta per sentirsi nel luogo giusto e assaporare i piatti tipici, come la norma, la caponata, il tonno… senza rinunciare ovviamente all’antipasto che è un connubio di sapori siciliani da capogiro! Provatelo e poi fatemi sapere.
Volete qualcosa di più innovativo? Andate al Crik & Crok nel centro di San Vito, qui troverete soprattutto pesce con piatti rivisitati in chiave moderna. Pesce fresco e ottima presentazione, uno stile meno tradizionale ma comunque molto appetibile.
LUOGHI DA VEDERE: sarà scontato ma il mare in Sicilia è davvero uno spettacolo della natura a cui non si può rinunciare. E allora andate alla Riserva naturale dello Zingaro è tanto famosa per quanto è bella, soprattutto a settembre che è meno affollata. Qui troverete diverse calette con ciottoli bianchi, e acqua azzurra e cristallina.

Volete una meta più suggestiva e sicuramente meno affollata? Dirigetevi verso il Monte Cofano, un paesaggio assurdo oserei dire “lunare” e incontaminato dove passare una giornata di mare in totale relax.

Andata a San Vito lo Capo e non volete assaggiare il CaldoFreddo?! Si tratta del dolce tipico di San Vito composto da una cialda di pan di spagna bagnata nel rhum con sopra gelato (generalmente nocciola o al caffè) ricoperto da una ganache di cioccolato fondente calda. Ve lo immaginate? Io al solo pensiero ho l’acquolina in bocca!
VINI DA DEGUSTARE: La Sicilia è terra di grandi vini e in questa zona vi consiglio:i bianchi come il Catarrato o l’Ansonica (o Insolia) o il Grillo. I rossi: Nero d’avola (che trovate un po ovunque in Sicilia) e il Pignatello, vitigno più vocato per questa zona.
Se volete avere una panoramica di tutti questi vini provate la cantina FIRRIATO, una cantina che fin dall’inizio ha puntato sulla massima qualità delle uve, attraverso il rispetto della natura.

Un piccolo viaggio breve ma intenso, ricco di profumi e sapori che mi hanno lasciato la voglia di tornare e di immergermi in nuove scoperte….a presto, Sicilia.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *